Il Cantastorie - The Storyteller

Biagio Accardi CantastorieBiagio Accardi originario di Tortora. Artista, suonatore, viaggiatore e studioso della società tradizionale e moderna dei luoghi in cui vive. Da sempre promotore, insieme all'Associazione Culturale CattivoTeatro (costituita nel 2002), di eventi artistico-culturali volti alla valorizzazione del Sud e delle sue tradizioni. Nel 2007 crea il progetto Nagrù, con il quale partecipa a diversi festival di rilevanza nazionale. Dal 2010, alla maniera dei vecchi cantastorie, Accardi è ideatore ed interprete dello spettacolo “Cantu e Cuntu …e mi ni fricu”, nel quale propone leggende, filastrocche, serenate e canti che un tempo scandivano  il quotidiano. Completa questa visione romantica del cantastorie proponendo da qualche anno Viaggiolento, un cammino insieme all’asinella Cometa Libera che lo porta ad esibirsi nei caratteristici borghi del Parco Nazionale del Pollino. 

 

The Storyteller

Biagio Accardi from Tortora. Artist, musician, traveler interested in traditional society and modern places in which they live. Always promoter, along with its cultural association CattivoTeatro (formed in 2002), of artistic and cultural events aimed at enhancing the South and its traditions. In 2007 he created the project Nagrù with which participates in several festivals of national importance. Since 2010, the manner of the old storytellers, Accardi is the creator and performer of the show "Cantu e Cuntu ... e mi ni fricu", which proposes legends, nursery rhymes, songs and serenades who once chanted daily. Complete this romantic vision of the storyteller proposing all years Viaggiolento, a journey together all'asinella Free Comet that led him to perform in the picturesque villages of the Pollino National Park.

 

 

LO SPETTACOLO - THE SHOW

 

“CANTU E CUNTU” è uno Spettacolo realizzato con le tecniche dei Cantastorie, figura tradizionale della Cultura Popolare, che si spostava nelle Piazze e raccontava con il Canto una Storia o una Leggenda che spesso era attualizzata.

Lo Spettacolo è un Viaggio attraverso la Musica e i Racconti che accompagnavano l’uomo in un contesto rurale che ormai sta scomparendo...

Un Viaggio in quel tempo in cui la Musica cullava l’uomo bimbo con le melodie delle ninne nanne, rendeva magiche le sue Fiabe e usciva in strada insieme agli stessi bambini rallegrando i loro giochi attraverso le filastrocche.

“... gallinella zoppa zoppa quante penne tieni ‘n coppa, e ne tieni ventiquattro… uno, due, tre e quattro”.

La Musica era il mezzo per esprimere le pene del cuore e le fatiche dei campi, la rabbia e le oppressioni dei Popoli. Il Cantastorie, allora, Cantava e Cuntava girando di Piazza in Piazza, come fa ancora oggi…per non perdere la Memoria!

“...Servo Vostro e con Devozione saluta stà bella Popolazione (per il momento)”!

 

IL BLOG: CATTIVO TEATRO

Free business joomla templates